Categories

Bicicletta a pedalata assistita: limiti e vantaggi

Quando si parla di bici elettrica si fa riferimento, seppur utilizzando una terminologia inappropriata, alla bicicletta a pedalata assistita, o anche pedelec. Il settore delle e-bike ha segnato numeri in significativa crescita e il settore della mobilità sostenibile, stando alle stime di settore, si appresta ad entrare in una vera e propria età aurea.

Il pedelec si è configurato negli ultimi anni come il mezzo cittadino per eccellenza, sintesi di valori come praticità, sostenibilità ambientale ed efficienza. La bicicletta a pedalata assistita nasce esattamente per soddisfare le esigenze del cittadino moderno, immerso nel tessuto urbano della grande città e che necessita di un mezzo funzionale agli spostamenti all’interno del traffico.

I punti di forza del pedelec

La bici a pedalata assistita è, a tutti gli effetti, una bicicletta: non richiede né patentino né la stipula di un’assicurazione RCA e può circolare liberamente all’interno di aree ciclabili e di zone a traffico limitato. Perché un mezzo alimentato tramite kit di elettrificazione sia inquadrato come pedelec, è necessario che esso rispetti le restrizioni normative, vale a dire che non può superare la velocità massima di 25 km/h e la potenza erogata di 250W. Il limite di velocità fa riferimento al picco massimo raggiungibile tramite l’alimentazione elettrica: ciò significa che superare tale limite non è vietato, ma solo attraverso la potenza extra erogata dalla forza meccanica della pedalata.

Le caratteristiche del mezzo fanno sì che essi sia una soluzione pensata per chi è solito circolare all’interno del circuito stradale cittadino, si configura come un’alternativa sana ai mezzi pubblici e all’automobile ed è particolarmente apprezzata dai pendolari della fascia 30-45 anni.

Gli svantaggi

Le limitazioni tecniche e normative fanno sì che il pedelec non sia un mezzo adatto a spostamenti medio-lunghi e non è indicato per la percorrenza di strade extra-urbane. Si tratta di una soluzione che non ha nella versatilità il proprio punto di forza e che si orienta verso target specifici che non presentano particolari esigenze sui grandi spazi o che, in ogni caso, dispongono di altre tipologie di veicoli per soddisfare esigenze differenti da quelle della mobilità urbana.

Il pedelec non è adatto a percorrenze su circuiti extraurbani e deve sottostare a limitazioni di natura tecnica che impediscono uno scorrimento rapido su strade fuori dalla dimensione cittadina. La velocità rappresenta un’altra restrizione che rende la bici a pedalata assistita il mezzo urbano per eccellenza ma, allo stesso tempo, un veicolo inadatto per molte altre applicazioni.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close