Categories

Come rimuovere il silicone

Come rimuovere il silicone

Il silicone è un prodotto comunemente utilizzato per fare piccoli lavori domestici, è un ottimo sigillante per cui è utilizzato soprattutto per sigillare fessure, piastrelle e sanitari in bagno, in cucina, in giardino e in tutti gli ambienti umidi in cui si vuole impedire anche la formazione di muffe. Il silicone è facilmente reperibile in tutti i ferramenta ben forniti, come Tecnoferr (visita anche il sito www.tecnoferr.it). Il silicone è un prodotto che tendenzialmente resiste nel tempo, se ben applicato, ma potrebbe essere necessario rimuoverlo per sostituire pezzi o per deterioramento. In questi casi, per poter applicare nuovamente il silicone nuovo, occorre rimuovere accuratamente quello precedente; un’operazione semplice se fatta con cura e attenzione.

Cosa fare per rimuovere il silicone

La prima cosa da fare per rimuovere il silicone è detergere bene la zona da trattare utilizzando un comune prodotto per la pulizia del bagno, assicurandosi di eliminare ogni traccia di residui e grasso. Quando il silicone pulito è ben in evidenza, si può procedere a tagliare o raschiare il silicone con una lametta e sondarne la consistenza. Se la consistenza è gommosa, si tratta di silicone puro, se la consistenza è dura, il sigillante precedentemente usato è a base di lattice. In ogni caso, con l’aiuto di una spatola o di un raschietto si procede alla rimozione.

Per ammorbidire il silicone si possono adottare i seguenti “stratagemmi”:

  • Spruzzare acqua;
  • Scaldare il sigillante con una pistola di calore alla temperatura minima;
  • Tamponare con panni bagnati per almeno due, tre giorni;
  • Utilizzare uno sgrassatore da forno diluito con acqua;
  • Passare dell’acetone;
  • Spruzzare dell’alcol etilico o semplice aceto.

Per assicurare una rimozione precisa e pulita, si consiglia l’impiego di un cutter affilato o di una spatola professionale. Per rimuovere ogni traccia, si può applicare alcol denaturato e prodotti antimuffa. Se lo strato di silicone da rimuovere è particolarmente spesso, dopo aver tolto la maggior parte del prodotto, è consigliabile utilizzare specifici prodotti chimici e solventi per eliminare la sottile patina residua e appiccicosa di silicone. I prodotti specifici devono essere lasciati agire per qualche ora prima di procedere alla pulizia con l’aiuto di una spugna abrasiva.

Sicurezza nella rimozione del silicone

Per lavorare in sicurezza, è bene proteggere le mani con i guanti in gomma o lattice piuttosto spessi e quando si usano degli utensili affilati come lame, cutter o spatole è bene usare cautela e fare attenzione a non danneggiare o graffiare le superfici. L’impiego eventuale di solventi chimici deve prevedere il lavoro in ambienti ben aerati o ventilati, aprendo le finestre e indossando, eventualmente, mascherine protettive per evitare di inalare vapori e odori.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close