Categories

Quali sono le caratteristiche di una buona bara

Quali sono le caratteristiche di una buona bara

Una parte consistente del costo delle onoranze funebri è dovuta alla scelta della bara i cui costi variano in base ai materiali e alle dimensioni. Anche se si tratta di una scelta penosa e difficile da fare nell’imminenza della morte del proprio caro, è opportuno saper scegliere la bara perché questa è l’ultima dimora che accoglierà le spoglie del defunto ed è bene che sia di buona qualità per evitare sgradevoli fastidi o richiami per via della perdita dei liquidi o degli odori sgradevoli che si possono sprigionare in seguito ad una cattiva saldatura. Per questo è anche importante affidarsi ad una buona agenzia funebre (si può consultare il sito della Cattolica San Lorenzo al seguente link: www.cattolicasanlorenzo.it). Cosa bisogna sapere, dunque, riguardo alla fattura delle bare e cosa prevede la legge italiana in materia?

Materiali e caratteristiche dei cofani funebri

Il D.P.R. 285/1990 disciplina il sistema funerario italiano che prevede l’impiego per i cofani funebri di diverse tipologie di legno: noce, castagno, ciliegio, radica rinforzato da una cassa zincata e rivestita di tessuti – prevalentemente di raso, seta o cotone – per foderare l’interno. Per quanto riguarda le decorazioni, le applicazioni, incisioni e bassorilievi, dipende dal gusto e dalle scelte dei parenti. Oltre all’impiego del legno, la legge apre alla possibilità di utilizzare materiali alternativi come la cellulosa o la plastica biodegradabile in Mater Bi per andare incontro alle scelte dettate da maggiore sensibilità ambientale, purché nel rispetto delle principali norme igieniche e di salvaguardia della salute pubblica.

Come procedere correttamente alla saldatura e chiusura del cofano funebre

Una delle situazioni più incresciose in cui si ci può imbattere è la fuoriuscita nel tempo di liquami e odori dalla bara del defunto a causa di un cattivo materiale utilizzato o nell’errata chiusura del cofano a tenuta stagna da parte degli addetti dell’agenzia funebre. Ancora una volta è bene informarsi e rivolgersi ad agenzie di comprovata esperienza.

Innanzitutto, occorre sapere che la legge vigente richiede che lo spessore della lamiera della cassa metallica sia di:

  • 0,660 mm se di zinco;
  • 1.5 mm se di piombo.

La saldatura avviene in due modi: a caldo o a freddo. La tipologia più tradizionale è la saldatura a caldo che, però, comporta dei disagi agli operatori. Le leghe a base di piombo sprigionano, infatti, fumi irritanti e nocivi per la salute durante il decapaggio della lamiera zincata, pertanto gli operatori del settore che adottano questo tipo di saldatura devono essere sottoposti a controlli medici periodici (L. 626/1994). La saldatura a freddo, invece, è più rapida e meno pericolosa, ma prima della saldatura è necessario apporre uno strato di collante lungo il bordo interno della cassa in zinco e solo dopo si potrà sigillare il coperchio. La chiusura con lo stagno prevede che dopo la posa del coperchio, si stenda una colata di stagno, appunto, lungo i bordi della cassa; questo serve affinché la saldatura resista e compensi eventuali soluzioni di continuità tra la copertura e il contenitore inossidabile.

È evidente che nel momento del dolore non si riesce a seguire e valutare tutti i passaggi e si tende ad affidarsi a ciò che le agenzie propongono, ma a maggior ragione e con un po’ di sforzo di volontà è necessario informarsi e rivolgersi alle migliori agenzie possibili per poter garantire una sistemazione decorosa al proprio caro estinto.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close